Il Blog

tutto sul mondo della caccia e del tiro sportivo

La caccia nel 2020

Che sia stato un anno particolare, questo lo sappiamo tutti. Per la prima volta, da quando io possa ricordare, non tutti i cacciatori sono stati uguali.

La caccia nel 2020

Io in questo anno assurdo ho avuto la fortuna di vivere a pieno i primi mesi della stagione inseguendo galli forcelli, bianche, camosci e qualche ora prima della chiusura realizzare anche il sogno del cervo coronato.

Era il 6 novembre quando il Piemonte è diventato zona rossa. Una decisione che non credevo potesse arrivare ma che nel giro di qualche ora ha stravolto la mia routine del fine settimana. Me ne sono reso conto sabato mattina, scorrendo la rubrica di Netflix alla ricerca di una serie da iniziare: erano anni che non passavo un weekend sul divano e anche se la situazione poteva sembrare accattivante, desideravo essere da tutt’altra parte.

Ora, come molti altri cacciatori, sono fermo ai box e mentre scruto con un po’ di invidia i residenti degli ATC e dei CA confido nel passaggio a zona gialla per poter raggiungere la mia area di caccia.

caccia nelle alpi 1

La mia stagione era iniziata con un’esperienza di caccia al capriolo in alta quota, in una riserva ai piedi del Monviso, pochi giorni prima dell’apertura del camoscio. E’ da qualche anno che, insieme ad un gruppo di amici, inauguriamo la stagione in tenda: questa è stata la nostra normalità anche in un anno così “diverso”.

Sicuramente la grande novità, aspettata con trepidazione e incredulità fino agli inizi di ottobre, è stata la riapertura della caccia alla pernice bianca in Piemonte, che è riuscita a distogliere l’attenzione della mia famiglia, appassionati da sempre di caccia con il setter, da galli e coturne.

L'inizio della stagione venatoria aveva portato una ventata di positività e leggerezza, mi son ritrovato in una calda mattinata di novembre, a 2000 m con la carabina in spalla ad ammirare un paesaggio fantastico. Sapendo che sarebbero stati gli ultimi momenti che potevo trascorrere li, fino al tramontare del sole sono stato investito da un vortice di adrenalina ed emozione che mi hanno visto tornare a casa con un trofeo di cervo da sogno a storia in più da raccontare.

caccia nelle alpi 2

LA CACCIA COME STILE DI VITA TRAMANDATO DA PAPA'

Da quando riesco a ricordare mio papà la domenica non è mai stato a casa: tornava quando era buio, stanco e infreddolito ma con un'espressione di serenità che negli anni ho visto su pochi altri volti. 

Mi è sempre sembrato che il suo uscire con i cani non fosse semplicemente guidato da una grande passione, da un divertimento, da uno sfogo ma qualcosa di talmente radicato il lui che era obbligato a farlo; non sarebbe stato lui senza quelle uscite. Neve, pioggia e vento non l’hanno mai impensierito e forse proprio per questo, seguendolo sin da piccolo, ho imparato a rispettare la natura, le stagioni, gli animali, ad avere un obiettivo ed a raggiungerlo con costanza, perseveranza e impegno. Nella caccia come nella vita. 

Son sicuro che il mio essere cacciatore sia nato nel momento in cui sono riuscito a concepire, e soprattutto ad accettare, il susseguirsi e il compenetrarsi della vita con la morte. Due concetti difficili per un bambino che vive immerso nei classici lieti fine che il mondo Disney propone. 

Essere figlio di un cacciatore ha significato comprendere a fondo il concetto che nel mondo animale affinché uno viva, qualcun’altro debba necessariamente morire. Predatore e preda, cacciatore e cacciagione. Molto semplice quanto triste. Ma una volta assimilato questo concetto il cacciatore si trasforma da chi toglie la vita a chi fa parte del suo naturale svolgimento. 

cacci anelle alpi 3

Iscriviti alla newsletter

Riceverai in anteprima tutorial, articoli e approfondimenti sui mondi della caccia e del tiro. In più, avrai subito un ebook in regalo!
Letta l'informativa comunicatami, dichiaro la seguente volontà circa il trattamento dati per autonome finalità di marketing diretto da parte di terzi partner di IEG (finalità 4 dell'informativa)
App-hit-2020 ok.png

HIT-SHOW APP

Una guida online completa con le directory degli espositori, le foto, i servizi, le mappe dei padiglioni con la localizzazione degli stand: tutta la Fiera a portata di mano nel dispositivo mobile.

© ITALIAN EXHIBITION GROUP SpA© All rights reserved - Via Emilia 155, 47921 Rimini - CF/PI 00139440408 - Registro Imprese: Rimini P.I e n. Reg. Imprese 00139440408 - Capitale Sociale € 52.214.897 i.v.
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×