News

CACCIA AL CINGHIALE: COME, DOVE E QUANDO

Dove cacciare il cinghiale? Scopri tutte le informazioni utili sulla caccia alla beccaccia nella tua regione

CACCIA AL CINGHIALE: COME, DOVE E QUANDO

Il cinghiale (sus scrofa) è un mammifero artiodattilo della famiglia dei Suidi. Il cinghiale è originario dell’Eurasia e del Nordafrica ma nel corso dei millenni è stato più volte decimato e reintrodotto in ampie porzioni del proprio areale e anche in nuovi ambienti. In alcuni luoghi si è radicato così bene da stabilizzarsi in modo permanente. Alcune delle sue caratteristiche principali sono la grande resistenza e l’adattabilità, che gli permettono di sopravvivere e adattarsi anche a luoghi meno confortevoli.

Il cinghiale è sempre stato considerato una preda ambita per la sua carne e un grande combattente per la sua tenacia. Fino al XX secolo era considerato una fonte primaria per il sostentamento dell’uomo ma è stato poi soppiantato dalla comune carne di maiale, resa più accessibile grazie al suo allevamento.

CARATTERISTICHE

Un cinghiale adulto può misurare fino a 180 cm di lunghezza, per un’altezza al garrese che può sfiorare il metro e un peso massimo di un quintale circa. Negli anni si sono diffuse molte sottospecie che hanno portato a grandi variazioni di altezza e peso, ad esempio gli esemplari spagnoli di rado raggiungono un peso superiore agli 80 Kg, al contrario in Russia si hanno esempi di capi con peso superiore ai 250 kg. In Italia i soggetti “neri”, cioè dal manto scuro, presenti nelle Alpi, hanno un peso che oscilla tra i 100 e i 200 kg, invece nelle zone del centro e sud Italia il peso medio è sugli 80-90 kg. Bisogna inoltre sottolineare che i maschi hanno un peso maggiore rispetto alle femmine.

Questo animale presenta una costituzione massiccia, con un corpo squadrato e delle zampe corte e sottili. Ogni zampa presenta quattro zoccoli, quelli anteriori più grossi e robusti, la loro conformazione gli permette di distribuire al meglio il peso impedendogli di sprofondare nel fango. Nonostante la sua costituzione il cinghiale è in grado di galoppare molto velocemente.

Presenta una coda pendula, lunga anche 40 cm, ricoperta di setole. La testa è grande e massiccia con un lungo muso conico che termina in un grugno e che poggia su un disco muscolare, questo gli assicura grande mobilità e precisione oltre a grande sensibilità tattile e olfattiva.

Gli occhi sono obliqui e piccoli e posti lateralmente sul cranio, questo gli garantisce una visione quanto più ampia possibile anche se la via è piuttosto debole rispetto al fine dell’olfatto e dell’udito.

La dentatura è composta da 44 denti e rivelano che le sue abitudini alimentari sono spesso opportunistiche, inoltre presenta dei canini inferiori (anche chiamati zanne) che crescono continuamente, essi sono presenti in entrambi i sessi ma nei maschi hanno dimensioni maggiori tali da farli fuori uscire dalla bocca.

La pelle è una corazza per l’animale, molto spessa e poco vascolarizzata, ed è ricoperta di setole rigide che gli permettono di mantenere stabile la temperatura corporea. Le caratteristiche della pelle del cinghiale lo rendono immune a punture di insetto, alle piante spinose del sottobosco e lo proteggono dai morsi della vipera.

Il cinghiale presenta una colorazione che va dal bruno-rossiccio al nerastro, eccetto per alcuni esemplari con colori più particolari, come quello asiatico della zona Asiatica e quello più rossiccio della Russia

RIPRODUZIONE

La riproduzione del cinghiale varia molto in base al clima e alla disponibilità di cibo. In ogni caso la femmina può andare in estro circa 3 volte l’anno. In particolare in Italia le nascite si concentrano in primavera ed estate. Durante la stagione della riproduzione i maschi abbandonano la loro vita solitaria per unirsi ai gruppi di femmine. L’accoppiamento è preceduto da una fase di scontro tra i maschi del branco e da un rituale di corteggiamento.

La gestazione dura circa 115 giorni, quando il parto si avvicina la femmina si allontana dal gruppo e prepara un nido per i cuccioli che potranno essere dai 3 ai 15 per ogni cucciolata.

DOVE TROVARLO

L’origine del cinghiale risale all’Eurasia e al Nord Africa, è stato inoltre avvistato in Inghilterra e Irlanda. Dopo essere scomparso dalle zone inglesi venne introdotto nel Nord America, dove si stabilì con successo. Nel Dopoguerra il suo areale tornò ad espandersi e ad oggi è trovabile in quasi tutte le regioni europee, fino alla Danimarca e alla Svezia.

In Italia è distribuito in modo discontinuo dall’a Valle d’Aosta fino alla Calabria, oltre alla Sardegna e alla Sicilia.

Abruzzo Dal 19 settembre al 9 gennaio
Basilicata Dal 13 ottobre al 9 gennaio
Calabria

Campania
Dal 3 ottobre al 9 gennaioDal 2 ottobre al 30 dicembre
Emilia Romagna Dal 2 ottobre al 31 gennaio
Friuli Venezia Giulia Dal 1 settembre al 30 dicembre
Lazio Dal 1 novembre al 31 gennaio
Liguria Dal 3 ottobre al 2 gennaio
Lombardia Dal 1 novembre al 31 gennaio
Marche Dal 17 ottobre al 30 gennaio
Molise Dal 13 ottobre al 12 gennaio
Piemonte Dal 19 settembre al 31 gennaio
Puglia Dal 2 ottobre al 29 dicembre
Sardegna Dal 1 novembre al 31 gennaio
Sicilia Dal 1 novembre al 31 gennaio
Toscana Dal 2 ottobre al 31 gennaio
Trentino /
Umbria Dal 3 ottobre al 2 gennaio
Valle d’Aosta /
Veneto Dal 19 settembre al 31 gennaio

Controlla sempre il Calendario Venatorio della tua regione QUI

Potrebbe interessarti anche...

Iscriviti alla newsletter

Riceverai in anteprima tutorial, articoli e approfondimenti sui mondi della caccia e del tiro. In più, avrai subito un ebook in regalo!
Letta l'informativa comunicatami, dichiaro la seguente volontà circa il trattamento dati per autonome finalità di marketing diretto da parte di terzi partner di IEG (finalità 4 dell'informativa)
App-hit-2020 ok.png

HIT-SHOW APP

Una guida online completa con le directory degli espositori, le foto, i servizi, le mappe dei padiglioni con la localizzazione degli stand: tutta la Fiera a portata di mano nel dispositivo mobile.

© ITALIAN EXHIBITION GROUP SpA© All rights reserved - Via Emilia 155, 47921 Rimini - CF/PI 00139440408 - Registro Imprese: Rimini P.I e n. Reg. Imprese 00139440408 - Capitale Sociale € 52.214.897 i.v.
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×