SANT'UBERTO: IL PATRONO DEI CACCIATORI

Il 3 novembre è noto come il giorno della caccia e della festa di Sant’Uberto. Ma chi era Uberto e come mai è conosciuto come il Patrono dei cacciatori e dei cani da caccia?

SANT'UBERTO: IL PATRONO DEI CACCIATORI

Uberto è nato intorno all’anno 656 d.c in Francia ed è vissuto come nobile conte palatino presso le corti dei re del Medioevo. Una volta rimasto vedovo, Uberto diventò  predicatore e si decise di dedicarsi all’evangelizzazione alle zone delle Ardenne, dove fece costruire un’abbazia che ancora oggi è dedicata a lui.  Morì il 30 maggio 727 d.c. a Tervueren vicino a Bruxelles.

Il motivo per cui è conosciuto come il Patrono dei cacciatori deriverebbe da una leggenda e da una mistica visione: Uberto era un cacciatore e conduceva una vita piuttosto sregolata e piena di dissolutezze.

Un Venerdì Santo, durante una battuta di caccia, Uberto si sarebbe ritrovato solo nel bosco nel silenzio più assoluto  e avrebbe avuto la visione di un maestoso cervo con una luminosa Croce Cristiana tra i palchi, che lo avrebbe invitato ad abbandonare la sua vita dissoluta e a convertirsi.

Uberto si inginocchiò davanti a quella sublime visione e subito avvertì dentro di sé un cambiamento, una chiamata di Fede, e fu così che grazie alla caccia e al contatto con la maestosità della natura, che cambiò vita.

Sant’Uberto è il patrono dei cacciatori, degli arcieri, dei macellai, dei pellicciai, dei tornitori, degli ottici, dei metallurgici, dei fonditori, dei matematici e dei cani da caccia.

Ancora oggi, in occasione della ricorrenza di Sant’Uberto, si organizzano molti festeggiamenti per ricordarlo e, da non dimenticare, lo ritroviamo anche come simbolo del famosissimo amaro Jagermeister!

In onore di Sant’Uberto, patrono dei cacciatori e dei cani da caccia, prende il nome la razza Bloodhound – Chien de Saint-Hubert, la razza canina da caccia per eccellenza, rappresentata nell'esposizione canina di HIT SHOW 2019.

I cani Bloodhound sono i più grossi segugi che esistano, selezionati per la caccia al cinghiale e per il recupero della selvaggina grazie al loro naso finissimo. Ma sono anche cani tanto docili e affettuosi!

Guarda il video per saperne di più!

Potrebbe interessarti anche...

Iscriviti alla newsletter

Letta l'informativa comunicatami, dichiaro la seguente volontà circa il trattamento dati per autonome finalità di marketing diretto da parte di terzi partner di IEG (finalità 4 dell'informativa)

Event partner

Live Hit-Show

    Partners

    Media Partner

    Supported by

    © ITALIAN EXHIBITION GROUP SpA© All rights reserved - Via Emilia 155, 47921 Rimini - CF/PI 00139440408 - Registro Imprese: Rimini P.I e n. Reg. Imprese 00139440408 - Capitale Sociale € 52.214.897 i.v.
    Il tuo browser non è aggiornato!

    Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

    ×